WhatsApp +39 3804793455

Guida alla scelta di un mobile TV o di una parete attrezzata per la zona giorno: il soggiorno ormai non è più solo il classico salotto in cui si ricevono gli ospiti, bensì una zona relax in cui possiamo mangiare, dormire e guardare un film come al cinema. Comodità e tecnologia si fondono anche per quanto riguarda l’arredo e il design, i quali non hanno più solo una funzione estetica. Come scegliere i materiali, lo stile e soprattutto tra un mobile TV e una parete attrezzata.

Vantaggi mobile TV e parete attrezzata

Il living è l’ambiente della casa in cui si trascorre la maggior parte del tempo in relax, nonostante storicamente sia il luogo in cui si ricevono gli ospiti per un momento di convivialità e per sfoggiare l’arte del ricevere. Il soggiorno moderno deve rispecchiare il proprio stile. Un occhio attento sa che in un salotto moderno ci saranno diverse aree. Una parte sarà dedicata al relax, un’altra alla visione di un film o alla lettura, un’altra alla consumazione di cibo o bevande calde o fredde. Oltre al classico divano o poltrona, esiste un complemento d’arredo fondamentale. Si tratta del mobile TV o della parete attrezzata, immancabili soprattutto per rispondere alle diverse esigenze. PariCucine, azienda leader nel campo dell’arredo e del design, è solita affidarsi a marchi rigorosamente italiani proprio per abbellire il proprio salotto senza spendere una fortuna e avendo ulteriore garanzia. Brand come Cosatto, Ingenia, Bontempi, Domitalia, Talenti, Altacorte, Vermobil, Midj e Connubia, Ditre, Felis, Samoa, Le Comfort, Rigosalotti e Salvetti affidano i loro pezzi esclusivi a PariCucine perché sanno che dietro questo marchio esistono progettisti e professionisti che studiano gli ambienti, si dedicano alla produzione e al montaggio dei vari pezzi allo scopo di raggiungere un solo obiettivo: soddisfare il cliente vendendo prodotti certificati, di eccellente manifattura e materiali e la consulenza di artigiani esperti per un arredo personalizzato.

Perché scegliere un porta TV

Esiste una sostanziale differenza tra una parete attrezzata e un mobile TV o porta TV. La parete attrezzata si consiglia per chi ha degli spazi angusti e vuole sfruttare le pareti per distribuire TV, impianto stereo, libri, complementi d’arredo, foto e altro. Il mobile TV, invece, è uno spazio riservato prettamente a ciò che riguarda il tubo catodico, dall’apparecchio ai dispositivi ad esso collegati, come lettore DVD e gli stessi DVD, ecc.

Vantaggi parete attrezzata zona giorno

Diciamo che una parete attrezzata è la soluzione più usata anche per creare un gioco tale di stili usando diversi materiali: mobili ampi o linee sobrie e sottili, strutture metalliche o appoggi angolari e salvaspazio. I colori sempre evergreen rimangono sempre quelli naturali, neutri e discreti. Tuttavia, vanno di gran moda anche le tonalità più accese come il nero o le tonalità sui grigi scuri. La scelta dipende da diversi fattori, dal gusto personale, all’ambiente: Chi dispone di un open space, il mobile TV deve integrarsi perfettamente nello spazio: in ambienti molto grandi, la base TV deve essere ampia con mensole asimmetriche allo scopo di creare una sorta di movimento. Ovviamente, il mobile dovrà per forza integrarsi con l’arredo esistente, sia per le tonalità, sia per quanto riguarda i materiali. Se la zona giorno viene caratterizzata da uno stile high tech, è opportuno scegliere un mobile TV in vetro o in metallo. Un piccolo salottino invece deve essere caratterizzato da un mobile angolare minimal, o una parete attrezzata che giocherà con scaffali, pensili, cassetti e armadietti. Una sorta di mobile salvaspazio che contribuisce ad arredare e caratterizzare un ambiente importantissimo.

Parete attrezzata o mobile per la TV, la scelta

La parete attrezzata e il mobile TV hanno una cosa in comune, ovvero si sceglie in base alle dimensioni. Le nuove tecnologie hanno rivoluzionato anche l’arredo e i complementi d’arredo e i progettisti, così come gli artigiani di PariCucine, lo sanno benissimo. La stessa TV si è rivoluzionata sia per una visione ottimale, sia per quanto riguarda l’estetica e la tecnologia. IL primo criterio da valutare per un mobile d’appoggio è la dimensione dell’apparecchio: la base d’appoggio deve essere più ampia della larghezza totale della televisione e garantire un sopporto solido. In più, se ci sono gli spazi necessari per altri componenti come un lettore DVD, un ricevitore satellitare, cavi di alimentazione e consolle di gioco tano meglio.

 

Share This